Venerdì, 06 Agosto 2021 14:33

Cos’è il Sistema DORI e come usarlo nella progettazione TVCC

Vota questo articolo
(2 Voti)

Nel mercato del TVCC, DORI significa Detection (Rilevazione), Observation (Visualizzazione), Recognition (Riconoscimento) e Identification (Identificazione).

  • Detection – Il livello “detection” consente di determinare in modo semplice ed affidabile se sia presente nella scena una persona, un veicolo o altro soggetto.
  • Observation – Il livello “observation” fornisce maggiori dettagli caratteristici del soggetto, per esempio un capo di abbigliamento particolare, consentendo nello stesso tempo la visione dell’attività nell’area circostante al soggetto.
  • Recognition – Il livello “recognition” determina con un elevato livello di precisione se un soggetto inquadrato sia la stessa persona rilevata in precedenza.
  • Identify – Il livello “identification” consente di riconoscere un soggetto al di là di ogni ragionevole dubbio.

Cosa è il Sistema DORI?

Il Sistema DORI (basato sulla Norma Internazionale IEC EN62676-4: 2015) definisce diversi livelli di dettaglio per Detection (25PPM), Observation (62PPM), Recognition (125PPM), e Identification (250PPM) per le telecamere di videosorveglianza. Utilizzando questi valori di PPM (Pixel Per Metro) è possibile classificare la telecamera in base alla combinazione sensore /obiettivo e verificare che essa fornisca le prestazioni necessarie in ciascuna applicazione. I costruttori spesso indicano i risultati DORI minimi nelle schede tecniche delle proprie telecamere. 

Quando e perché usare i valori DORI?

La distanza DORI fornisce un’approssimazione della distanza che semplifica l’identificazione e scelta della telecamera giusta per soddisfare la propria esigenza. 

Per esempio, di seguito le distanze DORI della stessa telecamera da 4MP con obiettivo da 2.8mm, 3.6mm, 6mm:

 

Distanza DORI

2,8mm

3.6mm

6mm

Detect (25 px/m)

43m

80m

120m

Observe (63px/m)

17m

32m

48m

Recognise (125px/m)

9m

16m

24m

Identify (250px/m)

4m

8m

12m

 

Da questa tabella si può vedere come la telecamera da 4 MP con obiettivo da 6mm possa identificare qualcuno a 12m mentre con un obiettivo da 2.8mm il soggetto debba essere a 4m di distanza per poterlo identificare. Questo è dovuto alla densità di pixel che diventa maggiore sul sensore con un obiettivo da 6mm.

Aumentando la quantità di pixel aumenta anche la distanza a cui un soggetto può essere identificato. Per esempio una telecamera da 8MP con obiettivo da 2.8mm ha le seguenti distanze DORI: Detect (25px/m) 69m, Observe (63px/m) 28m, Recognise (125px/m) 14m, Identify (250px/m) 7m. Come si vede rispetto alla precedente telecamera con risoluzione 4MP, a parità di obiettivo, la distanza di identificazione aumenta da 4 a 7m. Se si desidera una visione grandangolare e la capacità di identificare qualcuno a 7m di distanza dalla telecamera in questo caso bisognerà quindi scegliere la telecamera da 8MP. Naturalmente si potrebbe anche scegliere una telecamera con obiettivo motorizzato che consente di regolare la focale dell’obiettivo in modo da massimizzare la resa del sensore riprendendo solo l’area o l’oggetto e non lo spazio attorno ad esso (si ricordi che riducendo il campo visivo aumenta la densità dei pixel).

Riepilogando, la distanza DORI fornisce un metodo rapido e semplice per scegliere la telecamera più adatta al soggetto o all’area che si desidera osservare e il livello di dettaglio che si desidera registrare.

 

Letto 1545 volte Ultima modifica il Martedì, 10 Agosto 2021 17:19